Ascesso polmonare come possibile conseguenza post-operatoria

DEFINIZIONE

Con il termine ascesso polmonare si intende un processo suppurativo localizzato nei polmoni e tale da creare necrosi del tessuto. Si tratta di una grave patologia che potrebbe essere causata da interventi chirurgici all’orofaringe, ma non solo potrebbe essere conseguenza di sinusiti, ascessi dentari, bronchiectasie oppure granulomatosi di wegener.

EZIOLOGIA E MORFOLOGIA

Gli streptococchi aerobi e anaerob, gli staphylococcus aureus e i batteri saprofiti gram negativi sono i batteri che vengono identificati nelle infezioni degli ascessi polmonari. Gli agenti responsabili della patologia possono

Il diametro dell’ascesso polmonare risulta variabile da pochi millimetri a qualche centrimetro e pu’ essere anche multiplo. Dei due bronchi il  destro è quello maggiormente interessato dagli ascessi a causa inalatoria per via della sua maggiore verticalità.

SINTOMI

Alcuni sintomi possono essere tosse, febbre, escreato maleodorante e/o ematico, dolore toracico, calo ponderale, dita a bacchetta di tamburo che può interessare sia mani che piedi. Lo si puo’ clinicamente individuare tramite l’esclusione di un carcinoma sottostante presente in alcuni casi. Gli antibiotici portano alla guarigione nella maggior parte dei casi, in rari casi invece insorgono complicazioni quali infezione alla cavità pleurica, l’emorragia, ascessi cerebrali o meningiteda oppure amiloidosi secondaria tipo AA.